Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
Chi soffre di claustrofobia può sottoporsi all'esame?
Esistono alcune apparecchiature definite “aperte” che riducono la percezione fastidiosa della sensazione di luogo chiuso, ma il loro limite è legato alla possibilità di fornire informazioni insufficienti. Utilizzando un’apparecchiatura ad alto campo (1,5 T) - decisamente più adatta per l’analisi delle strutture di interesse ORL - può essere consigliabile l’assunzione di blandi sedativi per via orale per meglio sopportare il momento dell’esame, ovvero anche il ricorso all’assistenza anestesiologica per la somministrazione di ipnotici in ambiente controllato.