Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
La visita gastroenterologica comprende anche l’esecuzione di procedure endoscopiche?
In genere l’indicazione a sottoporre il Paziente a ulteriori indagini (laboratoristiche, radiologiche, endoscopiche...) viene stabilita al termine della visita tenendo necessariamente conto di eventuli recenti indagini già eseguite dal Paziente. Occorre ricordare che la maggior parte delle indagini strumentali in ambito gastroenterologico richiedono il digiuno e/o una preparazione specifica.