Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
vaccinarsi_a_genova
Il dottor Franco Ameli otorinolaringoiatra presso Villa Montallegro ci segnala un recente studio della Emory University School of Medicine Georgia, pubblicato su JAMA Otolaryngology Head Neck Surgery riguardante il rapporto tra i virus respiratori e la vaccinazione antinfluenzale. I virus respiratori possono danneggiare i nervi olfattivi che si trovano nella mucosa nasale (la mucosa olfattiva) sia direttamente, distruggendo le cellule nervose di questa struttura, sia indirettamente attraverso il processo infiammatorio. Il danno crea riduzione del senso dell’olfatto (iposmia quando la perdita è parziale, anosmia quando la perdita è totale) talvolta in maniera temporanea e talora, purtroppo in modo definitivo e irreversibile. I virus respiratori sono una delle più comuni cause di questo problema e lo studio della Emory University School of Medicine Georgia ha dimostrato che la mancata somministrazione del vaccino antiinfluenzale è risultata associata a un aumento del rischio di perdita olfattiva; l’influenza è possibile rappresenti un fattore contribuente nei confronti di questa complicazione.


Cosa significa perdere l'olfatto


La perdita dell’olfatto viene spesso sottovalutata rispetto per esempio alla perdita dell’udito o della vista quando invece è noto possa causare una grave riduzione della qualità della vita: esso ha la funzione di risvegliare memorie ed emozioni molto più della vista ed è inoltre collegato con il senso del gusto. Più dell’80% del gusto è collegato con l’olfatto: senza la capacità olfattiva sollecitata dalle molecole odorose durante la presenza delle sostanze nel cavo orale, la lingua (depositaria della percezione dei sapori) può solo apprezzare il dolce, il salato, l’acido e l’amaro. Per concludere, esistono centinaia di virus respiratori diversi che possono portare a effetti simili e tra questi anche i molti virus del raffreddore comune ma il virus influenzale, e una parte di virus a esso collegati, può essere prevenuto tramite i vaccini. Sono molti i soggetti che recuperano il senso dell’olfatto dopo averlo perso, ma questa possibilità diminuisce con il passare del tempo dopo il primo mese dalla comparsa del deficit: in presenza di questo genere di disturbi è dunque opportuno ricorrere alle cure specifiche quanto prima. "L’odore subito ti dice senza sbagli quel che ti serve di sapere; non ci sono parole, né notizie più precise di quelle che riceve il naso" (Italo Calvino).


Vaccinarsi in Villa Montallegro

Ricordiamo che si può prenotare la vaccinazione (dirsan@montallegro.it, 010/3531201 segreteria generale) ed eseguirla (in pochi minuti) direttamente nell’ambulatorio infermieristico di Villa Montallegro.

News ed eventi