Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
Come si svolge l’esame?
Il Paziente viene posizionato in posizione supina (sdraiato a pancia in su) sul lettino dell’apparecchio radiologico. Dapprima viene infuso per via endovenosa il mezzo di contrasto; successivamente vengono eseguite rapide scansioni TC a intervalli regolari. Durante le scansioni è necessario stare fermi e trattenere il respiro per pochi secondi.

Ci sono controindicazioni o possono effettuarla tutti?

L’esecuzione dell’esame è controindicata in caso di insufficienza renale grave e nei Pazienti allergici al mezzo di contrasto. Può essere effettuato previa una specifica preparazione in caso di insufficienza renale lieve. Se ritenuta indispensabile, sempre previa specifica preparazione, l'UroTC può essere eseguita anche in caso di allergia al mezzo di contrasto. Inoltre, dato che vengono utilizzati raggi X, va esclusa in gravidanza.