Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Stroboscopia laringea


L’esame si esegue in ambulatorio durante il percorso della visita, quando necessario.
È la registrazione dinamica dell'esame endoscopico del laringe con l'utilizzo di una luce stroboscopica. L'effetto stroboscopico si fonda su un'illusione ottica dovuta al fatto che immagini singole presentate a intervalli molto brevi (inferiori a 0,2 secondi) rimangono impresse sulla retina dando la sensazione di un'immagine continua. Le immagini, acquisite con una microtelecamera collegata a un endoscopio, sono registrate direttamente su computer in forma digitale con la possibilità di essere trasferite su un supporto magnetico (CD o DVD) per essere archiviate e/o riprodotte.
L’esame viene condotto con un endoscopio rigido introdotto dalla bocca e posizionato dietro la lingua, oppure con un fibroscopio flessibile con le stesse modalità utilizzate per la fibroscopia della via aerea superiore.
Fornisce molteplici informazioni soprattutto sul movimento delle corde vocali e quindi sulla dinamica e qualità della voce. Sincronizzando frequenza dei lampi che illuminano le corde vocali con quella della loro vibrazione (grazie a un sensore appoggiato sul collo) si potranno ottenere due tipi di immagine: una ferma - cioè quando la frequenza dei lampi coincide esattamente con la frequenza di vibrazione delle corde vocali - e una in movimento, dove le corde vocali appaiono animate da una lenta vibrazione, risultato della progressiva illuminazione a ogni passaggio di una posizione e di quella immediatamente successiva (quando la frequenza dei lampi non coincide a quella di vibrazione).
Con la laringostroboscopia si può così visualizzare l’onda mucosa, cioè il movimento della corda vocale in senso verticale e orizzontale, importante per individuare zone di “rigidità” dovute a lesioni congenite, a cicatrici, a lesioni precancerose o cancerose. L’esame risulta fondamentale nella diagnosi differenziale tra lesioni delle corde vocali a morfologia simile (es. cisti mucosa e nodulo), nelle patologie benigne e maligne della laringe, nei fenomeni di alterazione della voce per problemi di impostazione vocale o per problemi di paralisi delle corde vocali e infine nel percorso di controllo di tutti gli interventi sull’organo laringeo.