Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.

Risonanza magnetica


La risonanza magnetica della mammella prevede l’impiego di apparecchi dedicati (o particolari sequenze con l’utilizzo di apparecchiature ad alto campo) che consentono uno studio panoramico e dinamico di entrambe le mammelle con l’elaborazione delle immagini acquisite.

Non è mai proponibile come primo esame di diagnostica senologica, ma è una tecnica da utilizzare come integrazione di mammografia ed ecografia. Le indicazioni principali all’esame riguardano lo studio di donne ad alto rischio di tumore mammario per familiarità o mutazione genetica o per possibile multicentricità (= tumore che insorge in diverse aree del seno), in caso di lesioni già diagnosticate con tecniche tradizionali se candidate a un intervento chirurgico conservativo, oltre alla valutazione di donne con protesi (per la maggior efficacia rispetto all’ecografia nella valutazione dell’integrità degli impianti).
È utile anche in caso di tumore già accertato, nei seni che risultino molto densi alla mammografia o con una diagnosi bioptica di tumore lobulare infiltrante che in genere riesce a essere studiato con maggiore difficoltà dalla mammografia e dall’ecotomografia.
Nelle donne in premenopausa, la RMN è consigliata nei 15 giorni successivi alla mestruazione (in particolare dal 7° al 14° giorno).