Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
Perché è bene sottoporsi a esami periodici?
Perché esistono numerose malattie che possono essere diagnosticate in fase precoce, prima che diano sintomi o complicanze.
Dalle visite mediche e dagli esami di laboratorio e strumentali possono emergere indicazioni utili a prevenire le malattie, magari semplicemente modificando appunto lo stile di vita (alimentazione e movimento).

Dopo un check up posso essere sicuro di non avere alcuna malattia?
Gli esami periodici sono eseguiti per diagnosticare le malattie che statisticamente hanno maggiore incidenza sulla popolazione; non è possibile ricercare e trovare tutte le malattie. Controlli accurati e periodici garantiscono un’ottima probabilità di essere in stato di buona salute.

Gli esami sono gli stessi per uomini e donne?
Buona parte degli esami sono comuni a entrambi i sessi; dal momento che alcune malattie sono peculiari (o più frequenti) nell’uomo o nella donna e altre si possono sviluppare (o “slatentizzare”, termine medico che indica una malattia allo stato silente) negli anni, vengono proposti programmi di prevenzione differenziata in base a sesso ed età.