Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

L’elettroencefalogramma (EEG)


L’elettroencefalogramma (EEG) è la registrazione grafica dei fenomeni elettrici che si svolgono nell’encefalo. Rappresenta un mezzo d’indagine, non recente ma importante, per lo studio della funzionalità cerebrale, fondamentale nella diagnostica di patologie come l’epilessia e le sofferenze cerebrali su base metabolica (es. encefalopatia epatica). Nota a tutti è anche la sua fondamentale importanza nel Paziente in coma per registrare la cosiddetta “morte cerebrale” e poter eventualmente espiantare organi trapiantabili.
L’esame sfrutta le differenze di potenziale elettrico fra diversi punti del cervello, applicando più elettrodi (derivazioni) sul capo. Il Paziente, in condizioni normali e di assoluto riposo psicosensoriale, a occhi chiusi, presenta un ritmo elettrico a 8-10 hertz a che prende il nome di alfa. In base a stimoli anche semplici (per esempio l’apertura degli occhi), si registrano modifiche di questo ritmo. Si possono registrare la loro frequenza, onde beta, teta e delta, di vario significato patologico. In caso di epilessia le alterazioni elettriche dell’EEG, spesso molto indicative e specifiche (es. complessi elettrici detti “punta-onda”), possono essere presenti anche in assenza dei sintomi. Ciò rende conto dell’importanza di questo esame nella diagnosi della malattia.