Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
È utile eseguire tra gli esami di routine i cosiddetti marcatori tumorali come per esempio CEA, CA 19-9, alfafetoproteina o altri?
In assenza di un sospetto clinico specifico, il marcatore tumorale sierologico non ha un'indicazione specifica a scopo preventivo e, in alcuni casi (per es. CA 19-9) può avere solo significato infiammatorio

La positività del sangue occulto fecale è quasi sempre indicativa per polipo o tumore del rettocolon?
In realtà anche la patologia emorroidaria (emorroidi - ragadi) è gravata da un'alta percentuale di positività del sangue occulto fecale. Per contro, la negatività dell’esame non è in grado di escludere a priori con certezza una patologia organica rettocolica. Come in tutti gli accertamenti laboratoristici, la valutazione corretta è contestuale al caso clinico in esame