Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Esame istologico intraoperatorio


L'esame istologico intraoperatorio
(o estemporaneo, eseguito al microtomo congelatore) è una metodica diagnostica di anatomia patologica utilizzata durante un intervento chirurgico.
Si tratta di una biopsia eseguita nel corso della procedura chirurgica: l'esito diagnostico orienterà la strategia terapeutica. Per ragioni di contenimento dei tempi, il pezzo anatomico, posto in un particolare gel, viene congelato in pochi minuti (-35º) e sottoposto a taglio (spessore nell'ordine di pochi micron) per poi essere steso su vetrino, colorato e posto sotto il microscopio per essere analizzato.
Il tempo di allestimento di un esame intraoperatorio è di circa 10-15 minuti. L'intero processo viene eseguito all'interno del reparto operatorio dove è stata allestita una postazione per l’attività del Patologo
La rapidità di diagnosi (benigno versus maligno) e la valutazione della completezza dell’asportazione chirurgica sono gli obiettivi perseguiti da questa metodica.
La criticità principale è data dall’estemporaneità dei preparati che, con il tempo, decadono e dal fatto che per tessuti molto adiposi la criopreservazione non permette di ottenere preparati completi; inoltre l’utilizzo di coloranti vitali non permette valutazioni citologiche fini.