Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Ecografia dell'apparato urinario


È un esame della durata di una quindicina di minuti che, con l'utilizzo di una sonda a ultrasuoni appoggiata sull'addome, permette lo studio dell'apparato urinario.
Vengono valutate:
  • morfologia, dimensioni ed ecostruttura dei reni;
  • l'eventuale presenza di calcoli e neoformazioni cistiche o tumorali;
  • la dilatazione dei reni o della parte superiore degli ureteri;
  • lo spessore delle pareti della vescica e l'eventuale presenza al suo interno di tumori, calcoli o diverticoli;
  • ripetendo l'ecografia vescicale, dopo aver urinato, si può valutare il residuo post minzionale e anche la morfologia e le dimensioni della prostata.
Si segnala che dati più precisi sulla prostata si ottengono con l’ecografia eseguita utilizzando una sonda che permette l'accesso per via trans rettale (vedi).

L'esame è indicato, oltre che per screening, in caso di coliche renali, ematuria (presenza di sangue nelle urine) e turbe della minzione.
Non essendo utilizzati raggi X può essere effettuato da tutti senza controindicazioni.
Il Paziente deve distendersi sul lettino, in posizione supina, a pancia scoperta e successivamente viene invitato a ruotare su un fianco da ambo i lati.
Per l'esecuzione non è necessario il digiuno, ma è importante avere la vescica piena.