Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Ecografia del collo


È un esame della durata di una quindicina di minuti, utilizza una sonda a ultrasuoni che, scorrendo sul collo, permette di visualizzare su un monitor le diverse strutture del collo a diverse profondità.
L’impiego di ultrasuoni - anziché di raggi X - esclude rischi e complicazioni per la salute di chi deve sottoporsi a questo accertamento, rendendo al contempo ancor più efficace l’indagine clinica. Perciò è un esame facilmente ripetibile.
Risulta utile in tutti quei casi in cui è necessario lo studio delle ghiandole salivari (permette di individuare infiammazioni, alterazioni del tessuto, calcoli o neoformazioni), della tiroide, dei linfonodi o delle masse del collo. È inoltre in grado di ricercare raccolte liquide negli spazi del collo, di studiare le strutture muscolari e i tessuti sottocutanei. Non è particolarmente indicato invece nello studio della base della lingua, del faringe (la cui visione è impedita dalla presenza dello scudo cartilagineo della tiroide, che ostacola il passaggio degli ultrasuoni) e delle corde vocali.