Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
Come si svolge?
Il Paziente, a torace nudo, si sdraia sul fianco sinistro e una piccola sonda viene passata sul torace in varie posizioni.

Chi ha un pace maker o delle protesi al seno, può fare l’esame?
Sì, non vi sono grosse controindicazioni fisiche a eseguire l’esame, fermo restando che abbondanza di adipe, protesi mammarie o malformazioni del torace possono non consentire un completo svolgimento dell’esame.

È meglio sottoporsi a ECG o all’ecocardiogramma?
Le due metodiche non vanno considerate in contrapposizione fra di loro, ma complementari: il primo guarda direttamente alle varie parti cardiache e alla loro funzione meccanica, mentre il secondo esamina il funzionamento elettrico del cuore.

Si possono vedere i restringimenti nelle coronarie?
No, purtroppo le coronarie sono arterie di pochi millimetri esterne al cuore che non possono essere visualizzate con questo esame.