Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Ecocardiogramma


È una metodica diagnostica non invasiva che si basa sull'emissione di ultrasuoni (intervallo di frequenza 2-10 MHz).
L'esame consente al cardiologo di studiare la forma, le dimensioni e il movimento delle strutture cardiache. L'ecografo LOGIQ E9 XDClear di General Electric, in dotazione presso il centro di Cardiologia di Villa Montallegro, dispone delle più innovative funzionalità utili a questo obiettivo.
Un esame ecocardiografico permette di studiare l'anatomia, la morfologia e la funzionalità di tutte le parti del cuore, cioè muscolo, camere cardiache, valvole e pareti; esso viene sempre abbinato a uno studio Doppler che permette di analizzare il flusso del sangue all'interno del cuore.
Mentre una radiografia del torace o una TAC convenzionale forniscono immagini di tipo statico, “fotografico”, una registrazione ecocardiografica è una valutazione in movimento dal vivo come una ripresa cinematografica.