Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Eco-color-doppler dei tronchi sovra aortici (TSA)


L’eco-color-doppler è un esame ultrasonografico che, utilizzando una sonda a ultrasuoni (come una normale ecografia), è in grado di valutare la funzionalità dei vasi sovra aortici, cioè delle arterie che nascono dall'arco dell'aorta e si dirigono in alto verso la testa e gli arti superiori.
Permette lo studio sia della morfologia (anatomia) sia dei flussi (emodinamica) delle arterie. È perciò possibile studiare alcune caratteristiche morfologiche come il diametro e lo spessore della parete oltre alle caratteristiche del flusso, quali la velocità e la direzione.
Come detto, l'esame studia le principali arterie che nutrono le strutture del capo: le arterie carotidi comuni (destra e sinistra) che risalgono il collo e in prossimità della mandibola si suddividono nell’arteria carotide interna che irrora gli organi contenuti nella cavità cranica e l’arteria carotide esterna che si distribuisce alla superficie esterna del cranio e della faccia; le arterie vertebrali che nascono alla base del collo e decorrono nel collo dentro un canale osseo formato dalle vertebre cervicali; da qui, attraverso il foro occipitale, entrano nel cranio e si uniscono per formare il tronco basilare che a sua volta si divide nelle due arterie cerebrali posteriori. I due sistemi, il carotideo e il vertebro-basilare, si congiungono alla base del cervello attraverso altre due arterie denominate arterie comunicanti formando così un poligono arterioso detto del Willis.