Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Eco-color-doppler


L’eco-color-doppler è l’indagine di base, più utilizzata in diagnostica vascolare; non prevede utilizzo di radiazioni, né impiego di mezzi di contrasto, ma viene eseguito con un normale apparecchio ecografico dotato di un modulo Doppler a elevata sensibilità, in grado di “colorare” l’interno dei vasi arteriosi e venosi con una scala di colori che va dal rosso al blu.
L’intensità della rappresentazione di questi colori, associata a un tracciato flussimetrico che, in tempo reale, quantifica le velocità di flusso all’interno dei vasi esaminati, permette di evidenziare la presenza di eventuali placche calcifiche, restringimenti (stenosi) o dilatazioni (aneurismi) responsabili di complicanze anche severe a seconda dei distretti ove si localizzano (carotidi, aorta, arterie femorali, etc.).