Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

ECG sec. Holter


È una metodica diagnostica utile a studiare l'attività elettrica del cuore per un periodo di tempo di 24 o 48 ore e, se necessario, oltre.
Il Paziente, cui viene applicato l'apparecchio di registrazione portatile, svolge le normali attività, annotandole su un diario insieme all'eventuale comparsa di sintomi: ogni evento registrato può così essere messo in relazione con le attività annotate.
Spesso le aritmie cardiache non sono riscontrabili costantemente, ma compaiono improvvisamente in un momento qualsiasi della giornata e possono avere durata anche molto breve: in quel momento non c'è la possibilità di effettuare un ECG e conseguentemente non si potrà documentare l’evento aritmico per fare una corretta diagnosi. Alcune di queste aritmie possono essere alla base di episodi di vertigine o perdita di coscienza e possono talora risultare pericolose per la stessa vita.