Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Diagnostica strumentale neurofisiologica


La neurofisiologia clinica (NFC) si avvale di indagini strumentali basate sulla valutazione dei segnali elettrici generati spontaneamente o per induzione a livello del sistema nervoso centrale, di quello periferico, della giunzione neuromuscolare e del muscolo. Con la registrazione, la misurazione e l’interpretazione di questi fenomeni elettrici si ottengono importanti informazioni per la diagnosi di malattie neurologiche e neuromuscolari. Oltre all’elettroencefalografia (EEG), le metodiche più importanti sono l’elettromiografia (EMG), la neurografia (ENG), le metodiche per studiare la trasmissione neuromuscolare, lo studio dei riflessi, i potenziali evocati (PE), i PE motori (PEM), la stimolazione magnetica transcranica (TMS), la polisonnografia (PSG) e i test di funzionalità autonomica.