Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.

Diagnostica invasiva della mammella


In caso di noduli con caratteristiche mammografiche, ecografiche o di RMN sospette di malignità, è necessario un approfondimento diagnostico.
In base alle caratteristiche della lesione e alle sue dimensioni possono essere adottate diverse strategie diagnostiche.

L’agoaspirato è una tecnica che consente un prelievo di cellule (“citologico”) inserendo un ago sottile all’interno del nodulo. In questo caso il Patologo esamina aggregati di cellule o cellule singole, non porzioni di tessuto vero e proprio, come nella micro-istologia o nelle biopsie.

La biopsia è una tecnica che consente l’esame di tessuto mammario. Può essere realizzata con diversi dispositivi o aghi di grosso calibro (agobiopsia e/o tru-cut) che prelevano uno o più cilindri di tessuto o come avviene col MAMMOTOME in cui si usa un sistema di biopsia tramite aspirazione.
Le biopsie chirurgiche, a loro volta, si distinguono in “incisionali” e “escissionali”, a seconda che venga asportata solo una porzione di tessuto sospetto o tutto il nodulo.
Agoaspirato e agobiopsia sono in genere eseguite direttamente nel reparto di diagnostica per immagini sotto controllo ecografico o stereotassico (radiologico) o RMN.
La scelta di una delle due tecniche è dovuta sia alla dimensione del nodulo sia alla necessità di fornire informazioni per un eventuale trattamento ormonale o chemioterapico pre-operatorio (terapia neo-adiuvante).
L’esame citologico non è in grado di fornire in modo adeguato tutte le caratteristiche biologiche del tumore per indicare la terapia medica più appropriata.
Le biopsie chirurgiche vengono eseguite in ambulatorio chirurgico o in sala operatoria; il centraggio (cioè l'individuazione precisa dell'area da trattare) viene realizzato radiologicamente, ecograficamente o attraverso la RMN, prima della biopsia.