Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Day surgery

Con il termine day surgery (chirurgia di un giorno) si intende la possibilità clinica (ma anche amministrativa e organizzativa) di essere sottoposti a interventi chirurgici, o procedure diagnostiche invasive, con un ricovero limitato alle sole ore del giorno o, al massimo, con un solo pernottamento (one-day surgery).
Anche se nell’uso corrente vengono assimilate, chirurgia ambulatoriale e day surgery non sono sinonimi e richiedono requisiti minimi (strutturali, impiantistici e organizzativi) differenti.
In chirurgia ambulatoriale sono eseguibili solo interventi in anestesia locale e/o analgesia, mentre in day surgery è possibile effettuare procedure invasive che prevedano l’utilizzo anche di altre tecniche anestesiologiche come l’anestesia generale, spinale e peridurale.
Come per la chirurgia ambulatoriale, la struttura di day surgery inserita in una realtà come Villa Montallegro che opera a ciclo continuativo, con guardia medica attiva, pronta disponibilità anestesiologica e specialistiche, dotazioni tecniche, impiantistiche e di staff identiche a quelle riservate ai Pazienti ospitati per prestazioni di complessità superiore, garantisce una maggior sicurezza per il Paziente, oltre ad assicurare una migliore tranquillità di gestione agli Operatori.

I vantaggi della day surgery per il Paziente sono rappresentati da:

  • possibilità di mantenere immutate le proprie abitudini di vita;
  • limitato periodo di inabilità lavorativa;
  • riduzione quasi a zero del rischio di infezioni per l’assenza dei cosiddetti “germi da ospedale”;
  • abbattimento di una percentuale tra il 30 e il 50% dei costi rispetto ai ricoveri con degenza ordinaria.

Non è inoltre trascurabile l’aspetto psicologico: la degenza in day surgery, che assicura al Paziente un rapidissimo ritorno a casa, riduce fortemente la preoccupazione connessa all'ospedalizzazione e al distacco dal proprio ambiente familiare.

Attualmente si possono eseguire in regime di day surgery interventi chirurgici in quasi tutte le specialità: chirurgia (generale, oncologica, flebologica, oculistica, maxillo-facciale, ricostruttiva-plastica, proctologica), ginecologia, ortopedia e urologia.

L’elenco completo delle prestazioni eseguibili in regime di day surgery è contenuto nell’allegato della deliberazione G.R. della Regione Liguria n. 245/2003 (Deliberazione G.R. 1097/2001: sostituzione dell’elenco delle procedure chirurgiche effettuabili in day surgery).

Prima di proporre un intervento in day surgery, deve essere redatta un’attenta anamnesi (raccolta particolareggiata delle notizie sanitarie) del Paziente per valutare se il caso clinico rientri nei criteri di ammissibilità a questa tipologia di ricovero; in particolare dovranno essere considerate:
1. patologie croniche e co-morbilità (es. cardiopatia ischemica, bronchite cronica ostruttiva, diabete, insufficienza renale, malattie neurologiche, allergie a farmaci);
2. distanza dal domicilio alla Casa di Cura;
3. facilità di accesso al proprio domicilio;
4. possibilità di essere accompagnato e assistito da un familiare nelle 24 ore successive all’intervento.

Ogni intervento chirurgico eseguito in regime di day surgery richiede una preparazione specifica, prescritta di volta in volta dal Medico curante.
Alcune norme sono comuni a tutti gli interventi e vanno scrupolosamente seguite; in particolare qui di seguito descriviamo le fasi successive della procedura.

Preparazione all’intervento chirurgico

  • se il Paziente è in trattamento con aspirina, farmaci antiaggreganti o anticoagulanti, è necessario che sospenda l’assunzione di questi medicinali una settimana prima dell’intervento chirurgico (salvo diversa prescrizione del Medico curante);
  • il giorno precedente all’intervento chirurgico è opportuno non fumare (per gli interventi di chirurgia plastica, l’astensione dal fumo è obbligatoria una settimana prima), evitare il consumo di alcolici e alimenti difficilmente digeribili o particolarmente elaborati (es. cibi fritti, insaccati, panna, etc.) e seguire scrupolosamente la preparazione all’intervento prescritta dal Medico curante;
  • la sera precedente all’intervento chirurgico è suggerita una cena leggera (es. minestrina e frutta cotta);
  • prima dell’intervento (la sera prima o la mattina) è necessario fare una doccia con sapone antisettico (es. Saugella o Lactacyd), lavando anche i capelli;
  • la mattina dell’intervento chirurgico occorre presentarsi a digiuno, portando con sé gli esami diagnostici preoperatori; i Pazienti che assumono medicinali (es. per ipertensione arteriosa, cardiopatie, epilessia) possono seguire l’abituale terapia (salvo diversa prescrizione del Medico curante, che comunque deve essere messo a conoscenza della terapia cui il Paziente si sottopone); è buona norma portare con sé la terapia abituale al momento dell’accettazione in Casa di Cura;
  • il giorno dell’intervento è consigliato indossare abiti comodi, possibilmente aperti sul davanti e che comunque non debbano essere sfilati dalla testa.

Al momento dell’intervento chirurgico

  • prima di entrare nel blocco operatorio, rimuovere occhiali o lenti a contatto, protesi dentarie, anelli o altri monili, smalto dalle unghie, trucco;
  • informare il proprio Medico curante in caso di disturbi in corso come raffreddore, tosse, febbre, faringodinia (=mal di gola).


Dopo l’intervento chirurgico

  • per la dimissione attendere la visita del Medico curante - che indicherà le prescrizioni da seguire a domicilio e l’eventuale terapia - con cui concordare l’appuntamento per la prima visita di controllo (o per la medicazione);
  • non guidare l’auto per almeno 24 ore perché, soprattutto in caso di anestesia generale o comunque infusione endovenosa di farmaci analgesici, spesso si manifesta un lieve stato confusionale che contribuisce al rallentamento dei riflessi: per questo motivo è opportuno farsi accompagnare da un familiare;
  • non trascorrere da soli la prima notte dopo l’intervento;
  • la sera della dimissione, consumare una cena leggera e bere liquidi caldi (minestrina e the), salvo diversa prescrizione del Medico curante;
  • osservare un periodo di assoluto riposo a casa per almeno 48 ore.


Si raccomanda inoltre di lasciare indirizzo e recapito telefonico del domicilio dove si intendono trascorrere le prime 48 ore successive alla dimissione.

Il Paziente che si sottopone a intervento chirurgico in regime di day surgery, è soggetto a una “dimissione protetta”, ha cioè la garanzia, in caso di necessità, di un’efficace e tempestiva assistenza medica e infermieristica, anche a domicilio. Per qualunque disturbo o sensazione di disagio è opportuno rivolgersi al proprio Medico curante (al momento della dimissione ne viene fornito il recapito telefonico), anche nelle ore notturne.
Nel caso non riesca a contattare il proprio Medico o un componente dell’Equipe, potrà rivolgersi al Servizio di Guardia medica della Casa di Cura (tel. 010.35311), attivo 24 ore su 24.