Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Colposcopia


Consiste nella visualizzazione del collo dell’utero con un strumento (colposcopio) simile a un microscopio: dura pochi minuti, è assolutamente indolore e consente eventualmente l’esecuzione di biopsie mirate finalizzate alla diagnosi istologica. È indicata in presenza di anormalità del Pap test o in caso di sanguinamenti vaginali irregolari, specie post coitali.
Evidenzia la presenza di cellule anormali, ma solo grazie alla colposcopia sì può confermare o meno la reale presenza di una lesione cervicale (SIL o CIN) e determinarne la precisa localizzazione ed estensione. Posizionato lo speculum (come per il Pap test), la cervice viene “pennellata” con alcune soluzioni (acido acetico al 3%, soluzione iodo iodurata di Lugol) che consentono la migliore visualizzazione dei tre epiteli (squamoso, cilindrico e metaplastico) che rivestono normalmente la cervice uterina. Nel corso dell'esame il Ginecologo osserva con attenzione i fornici vaginali, la vagina e la vulva, frequenti sedi di lesioni satelliti in caso di malattia cervicale.