Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');
Come si esegue l’esame?
La cistoscopia viene eseguita in posizione supina (sdraiata a testa in su). Se viene utilizzato il cistoscopio flessibile, le gambe restano tese e appoggiate al lettino. Se viene utilizzato lo strumento rigido vengono flesse e appoggiate ad appositi gambali.
Le immagini dell’esame vengono trasmesse su un monitor posizionato a fianco al lettino che, se il Paziente ha piacere può guardare assieme all’operatore.

Cosa bisogna fare se dopo l’esame sale la febbre o se subentrano altre complicanze?
Seppur di rado, può capitare che, malgrado la profilassi antibiotica, a distanza di qualche ora dall’esecuzione dell’esame insorga bruciore durante la minzione o febbre o le urine appaiano rosse.
In tal caso è necessario continuare la terapia antibiotica e aumentare l’apporto idrico.
Anche gli antiinfiammatori possono essere utili a ridurre l’eventuale fastidio.