Mazzocchi (Parma) nel Centro fisioterapico di Montallegro

Pasquale Mazzocchi, 22 anni (ne compirà 23 il 17 luglio), dal 12 gennaio 2016 terzino destro del Parma (seconda in classifica in serie B) fotografato nel Centro fisioterapico di Villa Montallegro dove la dottoressa Maria Teresa Pereira lo ha sottosposto a trattamento con fattori di crescita per una piccola lesione muscolare. Da oggi riprende il programma riabilitativo per recuperare in vista delle ultime partite del torneo.

I fattori di crescita (o PRP, cioè plasma ricco in piastrine) è una delle tecniche di medicina rigenerativa applicate in ortopedia e riabilitazione. L’infiltrazione con i fattori di crescita piastrinici attiva e accelera i processi di riparazione del tessuto connettivo e dell’apparato locomotore. Si tratta di una tecnica utilizzata da diversi anni con ottimi risultati clinici nel trattamento di tendinopatie, lesioni della cartilagine e processi degenerativi articolari. La terapia è illustrata in questo video dalla dottoressa Pereira.

Un po’ di Montallegro nella cupola di San Lorenzo

Le operazioni di bonifica e di rifacimento della cupola della cattedrale di San Lorenzo sono praticamente concluse e sono state presentate alla città: erano iniziate nel giugno 2015 sotto la supervisione dell’architetto Claudio Montagni. I lavori, durati 30 mesi sono costati circa 1,2 milioni di euro.

Il consolidamento della cupola ha permesso anche di aggiungere interessanti particolari alla storia di questo monumento (quella di San Lorenzo è stata la prima cupola di Genova), dal progetto dell’architetto perugino Galeazzo Alessi, ai restauri di 170 anni or sono curati da Giovanni Battista Resasco, fino a oggi.

La cattedrale di San Lorenzo festeggerà il 10 ottobre i 900 anni dalla consacrazione.

Il settimanale della Curia genovese “Il Cittadino” nel suo numero del 29 aprile ha dedicato molto spazio all’evento (riportiamo la riproduzione di due pagine). A pagina 4 sono anche presentati i nomi delle aziende genovesi che hanno voluto contribuire a questa grande opera che riguarda la religione ma che rientra anche nella cura dell’immagine di Genova.

Tra le aziende, la Casa di Cura Villa Montallegro che è sempre pronta a misurarsi con lo sviluppo e l’amore per il territorio in cui opera.

Queste le pagine 1 e 4 del “Cittadino”:

La foto della cupola di San Lorenzo è tratta dal sito della Diocesi di Genova.

Villa Montallegro: assistenza sanitaria anche alla Federation Cup

Ancora una volta Villa Montallegro è protagonista dell’assistenza sanitaria (soprattutto del pubblico) di un torneo internazionale di tennis. Dopo la Coppa Davis, la Casa di Cura genovese assicura che tutto fili liscio dal punto di vista sanitario anche per la Federation Cup in corso nello stadio Beppe Croce di Valletta Cambiaso.

Lo staff di Villa Montallegro è composto dalle dottoresse Sofia Martigli e Veronica Villa, dal fisioterapista Antonio Ricco e dagli infermieri specializzati Deborah Biagioli e Riccardo Biglia: i saanitari della Casa di Cura hanno dovuto intervenire prevalentemente per assistere spettatori e soprattutto raccapalle, sofferenti per il gran caldo cui non erano preparati.

Complice forse il lungo ponte festivo, gli spettatori richiamati dalla Fderation Cup sono stati oggi in numero inferiuore a quelli attesi.

I risultati non hanno dato finora ragione alla squadra femminile azzurra che ha perso entrambi gli incontri di singolo con le tenniste belghe. Jasmine Paolini (numero 147 del ranking WTA) e Elise Mertens (17 WTA) hanno aperto la serie di incontri. L’azzurra è uscita sconfitta per 6/1 7/5.

Stessa sorte è capitata a Sara Errani (91 WTA) che dopo una vera e propria battaglia , non è riuscita a sovvertire il pronostico contro la favorita Alison Van Uytvanck (50 WTA): 6/4 6/8 6/2 il punteggio finale.

Domani dalle ore 12 si partirà con sfida tra le numero uno delle rispettive squadre Errani e Mertens e a seguire quella tra Paolini e Van Uytvanck; in chiusura il doppio tra la giovane coppia azzurra Deborah Chiesa-Jessica Pieri e quella belga formata dalla veterana Kirsten Flipkens ed Elise Mertens.

 

Nella foto: Sara Errani al servizio.

Articoli correlati:
Villa Montallegro a bordo campo per la Coppa Davis
Sofia Paola Martigli, “medico super partes” per la Coppa Davis