Montallegro: assistenza sanitaria per la Final Eight di Pallanuoto

La Casa di Cura Villa Montallegro garantisce l’assistenza sanitaria durante la Final Eight della Coppa dei Campioni di Pallanuoto che si svolgerà nella Piscina della Sciorba dal 7 al 9 giugno.

Questa attività rientra nella mission della Casa di Cura, altamente specializzata nella medicina riabilitativa e per lo sport, come già accaduto per tutti gli ultimi appuntamenti sportivi internazionali svoltisi a Genova (in particolare quelli legati al tennis). Ma fa anche parte del costante rapporto con il territorio che vede Villa Montallegro sempre presente per collaborare alla costruzione della migliore immagine di Genova e della Liguria.

Il servizio di assistenza sanitaria è rivolto a tutti gli atleti e agli accompagnatori delle otto squadre che partecipano alla fase finale, agli arbitri e ai giudici di gara, ai giornalisti accreditati.

Inoltre, durante la manifestazione, alla Sciorba sarà predisposta una sala medica attrezzata per il primo soccorso con un medico e un infermiere professionale di supporto al medico di ciascuna squadra. La sala medica sarà a disposizione anche del pubblico.Tutte le prestazioni sanitarie fornite durante la manifestazione sportiva saranno gratuite.

I pallanuotisti delle otto squadre, inoltre, avranno la possibilità di visite mediche, prestazioni diagnostiche (esami di laboratorio, esami radiologici, visite specialistiche) e di prestazioni fisioterapiche pesso la Casa di Cura Villa Montallegro, facendo capo a una centrale operativa, attiva 24 ore su 24, per il coordinamento di eventuali emergenze sanitarie.

L’assistenza riguarda anche la Final Kids, torneo giovanile con squadre provenienti da tutta Europa che si svolge in contemporanea alla Final Eight.

Otto squadre e il sogno della Pro Recco

Alla Final Eight partecipano Pro Recco (Italia), Olympiacos (Grecia), Cna Barceloneta (Spagna), Zf Eger (Ungheria), Szolnoki (Ungheria, detentori del trofeo), Jug Dubrovnik (Croazia), An Brescia (Italia), Spandau 04 (Germania).

Si tratta della cinquantacinquesima edizione del campionato. E la Pro Recco vi sbarca dopo aver conquistato, la scorsa settimana, il suo trentaduesimo scudetto – il tredicesimo consecutivo – nella piscina Paolo Caldarella di Siracusa battendo nella finale il Brescia (con cui si confronterà nuovamente proprio nella giornata di apertura del Final Eight).

La Pro Recco, organizzatrice dell’evento alla Sciorba, punta a conquistare la sua nona Champions e a replicare, a distanza di 15 anni, il trionfo per 9-4 sull’Honved avvenuto proprio nell’impianto genovese il 17 maggio 2003.

Tre giornate di partite che cominceranno giovedì 7 giugno con i quarti di finale e si concluderanno sabato 9 con le sfide per la coppa e il podio. Dodici match in 72 ore in una Sciorba rinnovata, con l’aggiunta di due tribune e di un villaggio per giocatori, spettatori e media.

Giovedì 7 giugno si svolgeranno i quarti di finale con inizio alle 16. Questi gli scontri diretti: Olympiacos-Spandau Berlino, Jug-Szolnok, Eger-Barceloneta, Pro Recco-Brescia. Venerdì 8, sempre dalle 16, semifinali. Sabato 9, alle 16 finale settimo posto, alle 17,30 finale quinto posto, alle 19 finale terzo posto, alle 20,30 finale.

Nella foto la festa della Pro Recco per la vittoria del Campionato italiano a Siracusa contro il Brescia.

 

Leggi anche:

Villa Montallegro: assistenza sanitaria alla Federation Cup di tennis  (21 aprile 2018)

Sofia Martigli, “medico super partes” per la Coppa Davis (9 aprile 2018)

Villa Montallegro a bordo campo per la Coppa Davis (6 aprile 2018)

 

Zapata nel Centro fisioterapico di Montallegro

Duván Esteban Zapata Banguero, 27 anni compiuti il primo aprile, calciatore colombiano, dal 31 agosto 2017 (prestito con obbligo di riscatto dal Napoli) attaccante della Sampdoria e dal marzo 2017 della nazionale colombiana, fotografato oggi nel Centro fisioterapico di Villa Montallegro dove la dottoressa Maria Teresa Pereira lo ha sottosposto a trattamento con fattori di crescita. Zapata dalla fine di aprile soffre di un affaticamento alla coscia destra. Inizierà subito il programma di fisioterapia per poter rientrare a breve.

I fattori di crescita (o PRP, cioè plasma ricco in piastrine) è una delle tecniche di medicina rigenerativa applicate in ortopedia e riabilitazione. L’infiltrazione con i fattori di crescita piastrinici attiva e accelera i processi di riparazione del tessuto connettivo e dell’apparato locomotore. Si tratta di una tecnica utilizzata da diversi anni con ottimi risultati clinici nel trattamento di tendinopatie, lesioni della cartilagine e processi degenerativi articolari. La terapia è illustrata in questo video dalla dottoressa Pereira.

Per un punto il Cus Genova Rugby non va in Eccellenza

Il CUS Genova Rugby, squadra che da questo campionato ha visto Villa Montallegro tra i propri partner, ha sfiorato (questione di un solo punticino) l’ingresso nell’Eccellenza. La partita di domenica scorsa ha invece stabilito che a transitare nella massima serie sarà il Valsugana Rugby Padova.

Peccato: ma la stagione del CUS Genova Rugby è ugualmente tutta da incorniciare.

Il CUS Genova Rugby, sezione rugbistica del CUS Genova (che raccoglie tutte le attività sportive degli universitari genovesi), è stato fondato nel 1947, prendendo l’eredità della squadra universitaria che aveva militato in serie A dal 1929 al 1938.

Nella sua storia più recente la squadra ha disputato 15 campionati nazionali in serie A, 41 in serie B e 6 in Serie C. Negli anni Settanta è entrata nel top italiano, guidato da Marco Bollesan raggiunse per tre volte il secondo posto. Dal 2013-14, dopo 24 campionati in B, è tornata in A e quest’anno, ha avuto accesso al pool promozione.

Dalla stagione 2016-17 i bianco-rossi sono stati affidati a Tosh Askew, tecnico inglese con esperienze a Leicester, e nelle selezioni giovanili della nazionale inglese. Lo affiancano Diego Galli (aiuto allenatore/mischia), Francesco Bernardini (aiuto allenatore/trequarti) e il preparatore atletico Andrea Sotteri.

Il campionato 2017-18 è stato entusiasmanante e, come riconosce la società, i risultati sono andati ben oltre le più rosee speranze della vigilia. Anche perché il CUS è una squadra giovane con, accanto, un vivaio davvero interesante come dimostra il bellissimo inizio del CUS Genova Under 16 nel trofeo Walter Piccoli, con un 81-0 al Seregno Rugby. A dimostrazione che dietro alla prima squadra ci sono delle giovanili di qualità che fanno ben sperare per il futuro.

La foto è tratta dal sito del Cus Genova Rugby.