Esame vestibolare

L’esame serve a valutare il funzionamento di alcune parti dell’equilibrio, principalmente la componente del vestibolo, cioè il recettore dell’equilibrio situato nell’orecchio.
Si esegue irrigando il condotto uditivo con acqua, prima fredda a 30° C e poi calda a 44° C. Ne deriva una stimolazione del sistema vestibolare dal differenziale termico risultato del raffreddamento e dal riscaldamento della cassa timpanica in successione; a questo consegue un movimento degli occhi (nistagmo) analizzato con particolari occhiali in grado di eliminare la capacità di fissazione del Paziente (occhiali di Frenzel o videooculoscopio). I movimenti degli occhi sono infatti collegati in maniera precisa e importante allo stato di funzionamento del sistema dell’equilibrio po-sto nel vestibolo.

Continua...

Videooculoscopia

È un esame che permette di identificare anomali comportamenti dei movimenti oculari.
La muscolatura dell’occhio è coordinata dal sistema dell’equilibrio; per questo motivo l’indagine dei movimenti oculari risulta di notevole importanza per valutare indirettamente lo stato di salute del sistema dell’equilibrio.
La videooculoscopia impiega una maschera completamente oscurata con telecamere a raggi infrarossi che permettono all’osservatore di visualizzare l’occhio mentre il Paziente è perfettamente al buio e quindi incapace di fissare qualsiasi mira, permettendo alla muscolatura di rimanere libera nei movimenti spontanei, normali o patologici.
Si tratta di un esame ambulatoriale, assolutamente semplice e ripetibile, che può essere eseguito in tutti i Pazienti, adulti e bambini.

Continua...

Potenziali evocati acustici (ABR)

I potenziali evocati uditivi (definiti anche ABR) sono un test neurologico che valuta la funzionalità del tronco cerebrale in risposta a stimoli uditivi grazie allo studio di un potenziale elettrico nervoso evocato da un tono sonoro trasmesso attraverso una cuffia.
Le risposte, a forma di onda, sono misurate utilizzando elettrodi di superficie posizionati al vertice della testa, sulla fronte e sulle tempie.

Continua...