Resezione vescicale transuretrale (T.U.R.V.)

La vescica è il serbatoio che raccoglie l’urina prodotta dalla filtrazione renale e può essere raggiunta introducendo uno strumento a forma di tubicino (endoscopio) attraverso l’uretra.
La resezione transuretrale della vescica (TURV) è un intervento endoscopico (non implica cioè l’incisione della cute) che si propone l’obiettivo di asportare lesioni (neoformazioni o zone sospette) della parete vescicale; le neoformazioni superficiali che non infiltrano la parete della vescica possono essere asportate in maniera radicale, mentre per neoplasie vescicali infiltranti la procedura ha significato solo bioptico (è utile al fine di realizzare la biopsia, cioè il prelievo di tessuto da sottoporre a esame istologico) e/o per studiare la malattia.

Video

Continua...

Resezione prostatica transuretrale (T.U.R.P.)

La prostata è una ghiandola della grandezza di una castagna posizionata sotto la vescica e attorno all’uretra che ha il compito di produrre parte del liquido seminale.
Il suo ingrossamento (ipertrofia, adenomatosi) può determinare una serie di sintomi irritativi (bruciore urinario, aumentata frequenza delle minzioni, minzioni notturne, sanguinamento) e ostruttivi (difficoltà minzionale, diminuzione del flusso urinario, ritenzione d’urina).
Questi disturbi sono molto frequenti nei maschi al di sopra dei 50 anni di età (17-37%)
La resezione transuretrale della prostata (TURP) è un intervento endoscopico (non implica l’incisione della cute) che si propone l’obiettivo di eliminare l’ostacolo determinato dalla prostata allo svuotamento della vescica.

Continua...

Prostatectomia radicale

La prostata è una ghiandola della grandezza di una castagna posizionata sotto la vescica e attorno all’uretra che ha il compito di produrre parte del liquido seminale.
Con il termine di prostatectomia radicale si intende l’asportazione in blocco della prostata e delle vescicole seminali e la successiva anastomosi (= sutura) della vescica con il moncone uretrale.
L’intervento è di solito preceduto da una linfoadenectomia pelvica, cioè dall’asportazione dei linfonodi.

Video 1

Video 2

Continua...