Questo sito utilizza cookies propri e di terzi al fine di consentirti la migliore esperienza nel suo utilizzo. Se procedi con la navigazione accetti la loro presenza.
!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js'); fbq('init', '569219623249078'); // Insert your pixel ID here. fbq('track', 'PageView');

Biopsia linfonodale


Nel caso di linfonodi ingrossati si può optare per una rimozione di tutto o parte per eseguire una diagnosi differenziale. Generalmente non sono facili da avvertire con la palpazione ma in caso di lesione (infiammatoria o neoplastica) possono aumentare di dimensioni.
In ogni caso le indicazioni alla rimozione parziale o totale sono:

- per tumori (primitivi) del sistema linfatico;
  • per altri tumori allo scopo di stadiarli (cioè determinare l'estensione del male), vista la diffusione attraverso i canali linfatici;
  • per altri tumori con l’obiettivo di completare la rimozione della lesione e impedirne l’ulteriore diffusione;
  • biopsia del “linfonodo sentinella”: questa tecnica permette con minima invasività di ottenere informazioni sulla diffusione linfonodale del tumore, evitando la dissezione completa di un linfocentro (stazione linfonodale es. ascellare). Il linfonodo "sentinella" è il primo linfonodo a ricevere il flusso linfatico dalla lesione: in assenza di cellule neoplastiche in questo linfonodo, nella pressoché totalità dei casi non vi sono metastasi negli altri linfonodi; rimuoverli tutti risulta inutile e potenzialmente dannoso (allungamento dei tempi di ricovero e rischio di disturbi della sensibilità o edema all'arto).